EGOland, o dei social network

Aziende! Non perdete l’autobuzz! Seguite il vostro istinto di autoconversazione! È arrivato l’arrotino e lo stratega social!

Con i social network avete l’occasione di parlare di voi stessi come non avete fatto mai. Nei social network, d’altronde, tutti parlano di sé stessi, in diversi modi e diverse forme, quindi abbiamo deciso di stilare un brevissimo compendio con le caratteristiche salienti di alcuni network che frequentiamo regolarmente. Per evitare di parlare solo “a” voi stessi, oltre che “di”.

Poi non dite che non ve l’avevamo detto.

Facebook: alter EGO

FacebookIn genere, gli utenti di questo network di nicchia (soli 500 milioni di iscritti, ad oggi) proiettano qui parte della loro vita privata. I puristi hanno una prevalenza di “amici veri”, persone conosciute fuori dalla rete. Altri invece accettano amicizie da chiunque, che poi è pericoloso. Potete diventare amici di questi ultimi senza grossi problemi grazie al vostro profilo aziendale, oppure comprare nomi dalle agenzie specializzate. In entrambi i casi, avrete sprecato benissimo tempo e denaro.

Twitter: EGOlogico

TwitterCi piace tanto twitter, perché: il pensiero breve necessita un esercizio mentale supremo (ricordate Voltaire?); in 140 caratteri, anche se sbagli di brutto non puoi sbagliare oltre una soglia da denuncia; è tecnicamente difficile litigare.
Consigliamo 6 mesi di ascolto e la lettura integrale di The Ultimate Guide for Everything Twitter, poi partire.

Flickr: EGOgrafia

Il network delle immagini, non solo fotografiche. C’è di tutto, perfino un sacco di cose belle. C’è chi non ha remore e pubblica tutto, ma proprio tutto, di sé, in modalità appunto radiografica – o eco/egografica. Solitamente sono gli stessi che poi denunciano le aziende per violazione della privacy quando gli telefonano a casa per un’offerta promozionale.

Friendfeed: EGOmostro

FriendfeedQualcuno di illustre lo ha definito una fogna. In realtà dipende, come sempre, da chi si frequenta. Anche Bologna può essere una fogna, se si frequentano i topi. Su Friendfeed appare molto evidente l’ego di gran parte degli utenti; alla maggior parte dei post soggiace la sentenza: “ora basta parlare di me, parliamo di voi. Cosa pensate di me?”.

Molti utenti si fanno fare gli auguri di buon compleanno (spontanei, eh), alcuni pubblicano foto di sé stessi chiedendo Mi sta bene questo push-up, altri ancora ci buttano dentro i loro tweet o gli aggiornamenti di stato di facebook. La maggior parte ama litigare, e poi insiste. Detta così, vedi frase iniziale. Ma come sempre, dipende da chi frequenti.

Linkedin: collEGO e faccio EGOnomia

LinkedinIl network professionale per eccellenza, nato su un principio molto semplice: la fiducia. La possibilità di entrare in contatto con altri tramite la segnalazione di contatti nostri che sono contatti loro crea un clima di distensione che predispone all’ascolto; un po’ meglio di un contatto a freddo. Le funzionalità recenti hanno aggiunto un grado di socialità “collettiva” ulteriore, in modo da fare sentire la propria voce nei lounge bar più opportuni, senza disturbare gli altri. Nasce per il business, quindi non è necessario far finta di vergognarsi se si cercano opportunità di monetizzare. Ma, mi raccomando: con di-gni-tà.

Foursquare, Gowalla: me-ne-frEGO

FoursquareGowallaLa maggior parte dei contenuti inseriti qui risponde alla domanda “e a me?”. Ma queste piattaforme stanno spopolando, consentendo ai miei “amici” di sapere in ogni momento dove mi trovo esattamente. In un caso è possibile diventare sindaco, senza nemmeno grossi rischi di commissariamento. Parallelamente stanno nascendo applicazioni complementari ad uso dell’inps e dei gruppi solidali di furto.

Slideshare: spiEGO

SlideShareNon so se Slideshare si possa definire un social network, senz’altro è una piattaforma di condivisione. Qui più che altrove è il contenuto che regna (ci ricorda qualcosa), quindi hai voglia a mettere foto di te nudo, non funzia. Devi caricare slide, quindi devi avere fatto slide, quindi devi avere qualcosa da dire, non si scappa. Solo per uomini veri.

PS non abbiamo incluso altri network blasonati perché non ci venivano in mente titoli simpa che includessero “ego”. Qualche suggerimento? Idee per YouTube, ad esempio? Eventualmente, scrivete qui sotto.

Ricevi gli aggiornamenti:

  • RSS

Un Commento a “EGOland, o dei social network”

Lascia un Commento

Commento (obbligatorio)

Contro lo spam, dimostra che sei un essere umano!

 *Quanto fa 4 + 7 ?